mosaico

Il termine mosaico definisce una superficie: pavimento, parete, soffitto e involucro di elementi d'arredo urbano, architettonico e di design. E' una superficie che si compone di tessere ricavate da materiali naturali (pietre, sassi, marmi), da materiali artificiali (paste vitree, smalti, ori) o da altri inediti materiali di sperimentazione. Il mosaico, che è stato tappeto di pietra nell'antichità, prezioso materiale per il culto nel periodo bizantino, elegante pavimento seminato a partire dal Cinquecento, è oggi una tecnica versatile, capace di aggiornarsi e di dialogare con i linguaggi della contemporaneità.

Nicolas Tonello, avendo conseguito con ottimi risultati la qualifica di maestro mosaicista presso la Scuola Mosaicisti del Friuli, ha imparato le diverse tecniche legate al mosaico. Ora mantiene uno stretto contatto e collaborazione con essa e si tiene sempre aggiornato sulle nuove soluzioni. E inoltre aiutato dalla moglie Séverine, anche lei mosaicista.

materiali naturali

Tutti i tipi di marmi, pietre e sassi che si riescono a tagliare con la martellina per formare delle tessere dalle dimensioni e forme volute.

materiali artificiali

Tutti i materiali non reperibili in natura e creati dall'uomo, tra questi: vetro, smalto, ceramiche, gres e metalli.

alcuni esempi